martedì 3 febbraio 2015

- Goccia di pioggia -

Stillava, bianca e umida,
al cielo fieramente rivolta,
vestita della pioggia di gennaio;
di sé voleva render conto,
della bellezza oramai sfiorita
e di quella sospesa sua fragranza.

Ancor più che la stessa rosa
fu quella sua lacrima minuta
a chiedere il mio sguardo
diversamente impegnato.
Si leggeva in quella goccia
tutto il mondo ch'era fuori, 
che le stava dentro come imploso
ma senza caos o dispiaceri.
Erano gli enormi massi, 
il cielo grigio e rannuvolato, 
l'aromatico timo ben adeso, 
il volo basso d'un colombo.
Eravamo noi e il nostro fiato
che trattenuti in trasparente grembo,
ci pensavamo figli della stilla, 
regalata dalla pioggia 
ad una rosa e al suo roseto.

Da "Parole d'acqua", inedita,
di Maria Teresa Lentini,
tutti i diritti riservati.

Foto di Pietro Lupo









5 commenti:

  1. Sempre belle le tue poesie Maria Teresa.
    Un abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  2. Mi pare che con questa lirica Lentini inauguri un nuovo sentiero del suo universo poetico. Qui sembra attenuarsi la potenza passionale e sentimentale che caratterizzava i suoi versi e sembrano farsi strada il pensiero e la riflessione. L'immagine e la sinestesia qui si accompagnano a un parlare più astratto, quasi filosofico, a un procedere per simboli, a un ragionare. Il risultato - molto convincente - sembra prometterci una fioritura di lirica nuova, sembra garantire la capacità di rinnovarsi pur rimanendo fedeli al programma di una poesia sincera e autentica.

    RispondiElimina